Trattamento e prevenzione della pediculosi

L'importanza di agire tempestivamente

La pediculosi del capo, nota come infestazione da pidocchi, si manifesta spesso con la riapertura delle scuole e interessa soprattutto chi frequenta luoghi affollati. È necessario innanzi tutto riconoscere i pidocchi e i trattamenti giusti perché è cruciale intervenire tempestivamente per evitare che si trasmettano ad altre persone.

I pidocchi sono parassiti, dei piccolissimi insetti che nel cuoio capelluto (raramente su ciglia e sopracciglia) trovano l’habitat ideale per proliferare grazie al buio e all’umidità. La trasmissione avviene grazie al contatto ravvicinato con altre persone.

È importate riconoscere non solo i pidocchi, ma anche le loro uova, chiamate lendini, che sul cuoio capelluto possono vivere fino a 2 settimane e che spesso si confondono con la forfora. A differenza di quest’ultima, le lendini hanno una forma ovoidale e si staccano con difficoltà dal capello e dal cuoio capelluto.

Cosa si può fare per prevenire l’infestazione da pidocchi?
Il primo passo per far sì che l’infestazione si interrompa è avvisare la scuola, i centri sportivi e tutte le comunità che il soggetto con i pidocchi frequenta abitualmente. Chiunque sia entrato in contatto con il soggetto, come i famigliari e gli amici o i compagni di scuola frequentati nell’ultimo mese, deve sottoporsi a un controllo per stabilire la presenza o meno del parassita.

I sintomi della pediculosi sono:
  • Prurito intenso
  • Presenza di rigonfiamenti rossi sul cuoio capelluto, che possono avere croste e produrre liquido
  • Presenza di puntini bianchi (uova) difficili da togliere
Per verificare la presenza dei pidocchi suggeriamo di utilizzare una luce diffusa e di aiutarsi con un pettine a denti fittissimi, simile alla pettinina per neonati, da passare sui capelli umidi per individuare le lendini e per staccarle. Per le più difficili da staccare sarà necessario procedere manualmente.

Cosa fare se si è soggetti a pediculosi?
Non appena si riscontra la presenza dei pidocchi o delle uova bisogna agire tempestivamente applicando un trattamento antiparassitario specifico. In farmacia abbiamo a disposizione differenti tipologie di prodotti tra cui shampoo, creme, lozioni o polveri, e restiamo a disposizione per indicarvi i più adatti e per darvi i consigli sull’applicazione.

Per combattere la pediculosi è necessario distribuire uniformemente l’antiparassitario aiutandosi con un pettine, insistendo in modo particolare sulla nuca e dietro le orecchie. I tempi di posa cambiano in base al tipo di formulazione. Generalmente gli shampoo agiscono più rapidamente e bastano 3-5 minuti di posa, per lozioni, gel e creme sono sufficienti 10 minuti, mentre le polveri richiedono dalle 3 alle 6 ore.

Per sicurezza il trattamento va ripetuto dopo 8-10 giorni per debellare eventuali pidocchi nati da uova sfuggite al primo trattamento.
Le uova, infatti, sono le più difficili da eliminare e, anche dopo il trattamento, è probabile che sia necessario staccare manualmente quelle rimaste. Per facilitare quest’operazione suggeriamo di bagnare i capelli con acqua e aceto e passare la pettinina per almeno una trentina di minuti.